sabato 22 ottobre 2016

Tour del nord - 1

Partiti la mattina verso le 7 dal resort, siamo stati trasferiti al porto di Hellville. Trasferimento con barca veloce fino ad Ankify e pullman per tutto il resto del viaggio. Un totale di 270km circa per 11 ore di viaggio, togliendone un paio per le varie soste. 

Ora una piccola parentesi sulle strade in Madagascar... Ci sono pochissime strade (nessuna autostrada) e sono state fatte durante la dipendenza francese. Da allora il governo locale non ha più fatto manutenzione e si vede!
La strada che abbiamo fatto in questa giornata è una delle principali ed è letteralmente devastata. La parte centrale della strada è spesso rovinata e i veicoli passano ai lati, dove ormai l'asfalto è sparito e quindi si trovano ad un livello di parecchie decine di cm al di sotto. Non esistono nemmeno più destra e sinistra, perché chi guida cerca solo il percorso meno accidentato, passando da un lato all'altro continuamente. Comunque non abbiamo mai visto incidenti, quindi se le cavano bene lo stesso!

Torniamo al viaggio. Poco dopo Ankify ci siamo fermati in una piantagione di cacao (la cioccolata qui è spettacolare!) dove comunque sono presenti tante altre piante, dall'ananas alla cannella.

Siamo poi ripartiti per Ambilobe dove abbiamo visitato il mercato delle erbe medicinali. Un paradiso di profumi unico. Comunque in tutte le zone dove siamo passati ci sono profumi meravigliosi (quasi sempre almeno) di spezie e cibo. 
Un altro odore sempre presente è quello di fumo. Gli abitanti bruciano spesso delle zone di terreno, a volte "esagerando" un po' e molti si fanno anche il carbone in casa. 

Pranzo all'Ankarana Lodge (dove avremmo dovuto dormire l'ultimo giorno di tour, ma hanno cambiato il programma) e poi di nuovo sul pullman per Diego Suarez dove abbiamo cenato e dormito al Grand Hotel.

Impressionante la povertà che si vede in giro, accentuata da quelle poche "isole" lussuose generalmente riservate ai turisti, come il nostro albergo...


Nessun commento:

Posta un commento